Come smettere di Incasinarsi la vita 12/12

Tutto e’ possibile

 

 

“Di tutti gli atteggiamenti che possiamo acquisire, quello di gratitudine è sicuramente il più importante.”Zig ZiglarLa chiave essenziale per una trasformazione di lunga durata è credere in sé stessi: credere che tutto sia possibile. Se non credete in voi – se non credi in te stesso – perché dovrebbe farlo qualcun altro? Quando credi nelle tue capacità e nel tuo potenziale, diventi ancora più motivato. Quello che voglio fare in questo ultimo post è dare piccoli consigli per poter mantenere il cambiamento per lungo tempo. Sono suggerimenti che trovo molto utili per amare sé stessi ancora di più e apprezzare il lavoro fatto fino ad ora.

 

  1. Non accontentarti

Sono volutamente imperfetta, così la gente sa esattamente cosa aspettarsi da me…

Ho deciso di non accontentarmi di niente di meno di quello che merito. Perché dovrei? Perché mai si dovrebbe? Se non impostiamo il nostro standard, finiamo per accontentarci comunque degli standard di un’altra persona.

 

  1. Premiati

Premiati, soprattutto quando raggiungi i tuoi obiettivi. Molti di noi non sono abituati a gratificare sé stessi. Concedersi un regalo alla fine di un percorso impegnativo, però, aiuta il cervello a capire che una sfida è terminata… e che siamo pronti per un’altra! Senza una ricompensa, penseremo ancora alla prova precedente e non saremo mai concentrati al 100% sulla nuova avventura.

 

  1. Visualizza la tua vita

La Visualizzazione permette di calmare la mente, mentre, nello stesso momento, crei una visione chiara, cristallina della vita che vuoi vivere e degli obiettivi che desideri raggiungere. Semplicemente rilassati, chiudi gli occhi e respira profondamente. Immagina te stesso come se già stessi vivendo la vita che desideri e il tuo giorno ideale. Avere davanti a sé una lavagna con le immagini dei propri desideri aiuta ad immedesimarti nella tua vita futura.

 

  1. Pratica la Gratitudine

Essere riconoscenti per quello che già abbiamo, per quello che abbiamo fatto e per quello che siamo è uno degli strumenti più potenti in assoluto. La gratitudine permette di concentrarci su ciò che è già nella nostra vita, invece che concentrarci su quello che non abbiamo. Ci fa sentire soddisfatti e connessi con l’abbondanza che ci circonda, invece di portarci a pensieri su quello che non abbiamo, che non siamo. Per abbondanza non intendo solo il denaro. “Il denaro va e viene”, mi ha detto una volta un amico. Abbondanza di tempo, di aiuto, di salute, di amicizia, di amore …..

Allora, dov’è il trucco? Il trucco sta nel concentrarci maggiormente su ciò che abbiamo, e che il denaro non può comprare: l’amicizia, la famiglia, la salute, la bellezza, la natura, la luce del sole, la luna…

Quando sei grato e pratichi la gratitudine regolarmente, qualcosa cambia radicalmente nella tua mente, e inizi a vedere le cose in modo diverso. Si può essere riconoscenti ogni giorno, in ogni momento del giorno, e in qualsiasi situazione. Invece di lamentarsi per le bollette da pagare, per esempio, puoi essere grato del fatto che avere le bollette significa avere l’elettricità, l’acqua, il gas. Tutte cose che molta gente nel mondo non ha.

Prenditi un po’ di tempo per fermarti ogni tanto e per assaporare il momento; resta ad annusare le rose, o fai attenzione alle cose belle che ti circondano ora. Trova almeno un momento al giorno in cui puoi dedicare tre minuti alla gratitudine e scrivi un mini diario

 

  1. Avere una routine

Avere una routine quotidiana è fondamentale per il nostro benessere olistico, ma diventa indispensabile soprattutto nei periodi di cambiamento.

Cosa intendo per routine? É qualcosa che si fa con costanza, con continuità, un’abitudine che può ripetersi tutti i giorni, quotidianamente, oppure una o due volte alla settimana.

Si possono avere anche routine settimanali: per esempio, ogni lunedì sera si esce con gli amici, ogni martedì si va al cinema, oppure, lunedì e mercoledì mattina si va in piscina. Le routine ci aiutano a creare stabilità e certezze nella vita, ed è necessario averle per supportare il nostro equilibrio, soprattutto in periodi di grande incertezza, come nei momenti di cambiamento.

 

“Quello che si ottiene nel raggiungere i vostri obiettivi non è così importante come quello che si diventa per raggiungere i vostri obiettivi.” Henry David Thoreau

 

Ps: questo post è stato preso dal capitoli 12 del libro “Come smettere di incasinarsi la vita” di Valentina Bonatti. SE ti è piaciuto e vuoi sapere di più, allora puoi prenotare adesso la tua copia autografata direttamente a casa tua clikkando qua